Logo Regione Lombardia - Qualità dell'Ambiente



  Mappa del sito | HomePage  
Bonifiche
skyline decorativo
   

 
HomePage-> Tematiche->Bonifiche->Linee guida tecniche 11
   Contatti | Tematiche | Attività & Servizi | News & Info | Scrivici  
Linee guida tecniche 11
Analisi delle possibili tecnologie adottabili e delle concentrazioni residue raggiungibili
Pagina precedente

L'analisi deve permettere di stabilire l'efficacia delle diverse tecnologie applicate nelle condizioni specifiche del sito, in particolare termini di caratteristiche ambientali, geologiche e idrogeologiche, urbanistiche e territoriali.

Quello che si vuole definire in questa sezione è sostanzialmente una serie di previsioni di massima sulle possibili tecniche adottabili per attuare la strategia di disinquinamento del sito. Non si configura come una rassegna della letteratura internazionale e nazionale o dei metodi e delle tecnologie, rimandati peraltro all'Appendice 1.

Il progetto preliminare deve illustrare nel dettaglio:

  • le possibilità di disinquinamento presentate dalla diverse tecniche di bonifica, analizzandone specificamente la validità per le caratteristiche pedologiche, geologiche, idrogeologiche, ambientali e chimico-fisiche proprie del sito in esame;
  • il grado di protezione della salute pubblica e dell'ambiente ottenuto con le diverse tecniche di messa in sicurezza permanente.
La rassegna delle tecniche di bonifica/messa in sicurezza permanente adottabili nel caso specifico deve essere corredata da una analisi dei costi degli interventi, comprensiva dei costi delle misure di sicurezza e dei controlli da adottare durante gli interventi di bonifica e dei monitoraggi post operam, che permetta di valutare la fattibilità economica dei diversi interventi.

Nel caso il Progetto preliminare di bonifica dimostri che non è possibile con le migliori tecnologie di bonifica e ripristino ambientale e di messa in sicurezza permanente disponibili raggiungere, per le matrici ambientali, i valori di concentrazione limite accettabili per l'uso specifico del sito, è necessario dichiarare esplicitamente quali sono i valori di concentrazione residui in suolo, sottosuolo, acque sotterranee e superficiali che gli interventi garantiscono di raggiungere.

I valori di concentrazione residui, proposti per ogni sostanza al termine sia degli interventi di bonifica con misure di sicurezza che degli interventi di messa in sicurezza permanente, devono essere sottoposti a valutazione mediante una analisi del rischio che dimostri che tali concentrazioni residue non costituiscano un pericolo per la salute pubblica e le diverse matrici ambientali, considerate tutte le possibili vie di esposizione attive per il sito in esame.

In allegato si riportano le principali "tecniche di trattamento per la bonifica delle matrici ambientali" con una breve descrizione delle caratteristiche (allegato 1).


Pagina successiva