Logo Regione Lombardia - Qualità dell'Ambiente



  Mappa del sito | HomePage  
Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera ex D.Lgs. 152/06
skyline decorativo
   

 
HomePage-> Attività & Servizi->Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera ex D.Lgs. 152/06->Autorizzazioni alle ...
   Contatti | Tematiche | Attività & Servizi | News & Info | Scrivici  
Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera
ai sensi del D.Lgs 152/2006
La L.R. 11 dicembre 2006, n. 24 recante "Norme per la prevenzione e la riduzione delle emissioni in atmosfera a tutela della salute e dell'ambiente"- pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, supplemento ordinario n. 50 del 13 dicembre 2006 - con gli articoli 8 comma 2 e 30 comma 6 individua la Provincia quale autorità competente al rilascio, al rinnovo e al riesame della autorizzazione alle emissioni in atmosfera dal 01/01/2007 (ad esclusione delle autorizzazioni relative agli impianti di incenerimento dei rifiuti di competenza regionale ex art. 17.1 l.r. 26/2003).

Pertanto, dal 01/01/2007 tutte le domande/comunicazioni relative alle emissioni in atmosfera previste e disciplinate dal D.lgs. 152/2006, parte quinta (autorizzazioni ordinarie e autorizzazioni per le attività in deroga/ex ridotto inquinamento atmosferico o R.I.A.) dovranno essere inviate alle singole province competenti. Con l'avvertenza che per gli impianti ed attività in deroga ad inquinamento scarsamente rilevante di cui all'art. 272, comma 1, del d.lgs. 152/2006 (ex attività ad inquinamento poco significativo di cui all'allegato 1 al D.P.R. 25/07/1991 più i piccoli allevamenti) la competenza per la presentazione della comunicazione è in capo ai Comuni. In tal caso sino a nuove disposizioni rivestono efficacia le disposizioni già contenute nella DGR 29 ottobre 2001 n. 6631 e pertanto i titolari interessati devono comunicare al Comune competente, nella forma dell'autocertificazione, la sussistenza delle condizioni di "poca significatività" dell'inquinamento prodotto.

In attesa dell'adozione, da parte della Giunta Regionale, delle direttive per l'esercizio uniforme e coordinato delle funzioni conferite (ai sensi dell'art. 8 comma 3 della legge citata), ed in attesa di una revisione della modulistica tuttora in corso, si forniscono le seguenti indicazioni.

  • Per gli impianti ed attività in deroga di cui all'art. 272, commi 2 e 3, del d.lgs. 152/2006 (ex attività a 'ridotto inquinamento atmosferico'di cui all'allegato 2 al D.P.R. 25/07/1991) e per le autorizzazioni di cui all'art. 269 del d.lgs. 152/2006, in attesa della nuova autorizzazione generale che dovrà essere adottata a breve dalle singole Province si continua a fare riferimento alle DD.GG.RR. n. 27497 del 18/04/1997 e n. 2663 del 15/12/2000 e la tariffa è di € 100.


  dgr_2663_00.pdf
  dgr_27497_97.pdf

 
  • Nel caso di attività in procedura ordinaria per le quali la Regione ha predisposto allegati tecnici di riferimento, o attività ordinaria semplificata (di cui alle D.G.R. n. 11667 del 20.12.2002 allegati tecncici n. 4,5,6,7, e 8; D.G.R. n. 16103 del 23.01.2004; D.G.R. n. 196 del 22.06.2005 allegati tecnici n. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 9) sia nel caso di tipologie di attività per le quali la Regione non ha mai predisposto alcun tipo di allegato tecnico, qualora la Provincia di competenza non abbia pubblicato sul proprio sito un modello specifico, vanno utilizzati i modelli di domanda e di relazione tecnica pubblicati di seguito, in attesa di una revisione generale.

  • Si ricorda che non sono sottoposti ad autorizzazione alle emissioni in atmosfera gli impianti individuati dal D.Lgs. 152/06 art. 269 commi 14 e 16, art. 272 comma 5.

MODIFICHE NON SOSTANZIALI
L'articolo 269, comma 8, del D.Lgs 152/06 disciplina le procedure relative alle modifiche impiantistiche, individuando due casistiche:
  • modifiche sostanziali: in tal caso è necessario richiedere un'autorizzazione esplicita
  • modifiche non sostanziali: è sufficiente una comunicazione
La Regione Lombardia, in accordo con le Pro vince Lombarde, ha emanato la Circolare 1 AMB/07 in materia di modifiche impiantistiche allo scopo di chiarire gli ambiti di applicazione e le modalità di richiesta dell'autorizzazione o di presentazione della comunicazione.

  circolare 1 amb_2007 Allegato 1.pdf
  circolare 1 amb_2007 Allegato 2.pdf
  circolare 1 amb_2007 Allegato 3.pdf
  circolare 1 amb_2007.pdf

 
COSTI DELL'AUTORIZZAZIONE
In recepimento delle leggi comunitarie, che prevedono che gli oneri per prestazioni da eseguire da parte di uffici pubblici nell'attuazione di norme comunitarie debbano essere posti a carico dei soggetti interessati, la Regione Lombardia ha approvato con DGR n° 21204 del 24 marzo 2005 il "Tariffario per il rilascio degli atti autorizzativi ex DPR 203/88", a cui fare riferimento fino all'emanazione della nuova normativa regionale.

Si consiglia comunque di consultare il sito internet della Provincia competente per eventuali aggiornamenti.

  TARIFFARIO.pdf

 
PRESENTAZIONE DOMANDE
Si ricorda che le tipologie autorizzative previste dal D.Lgs 152/06 sono le seguenti:
  • costruzione di nuovo impianto (art. 269 comma 2)
  • trasferimento impianto esistente (art. 269 comma 2)
  • modifica sostanziale dell'impianto che comporti variazioni qualitative o aumento delle emissioni inquinanti (art. 269 comma 8)
Ogni domanda deve essere presentata all'uffico provinciale competente corredata di marca da bollo di Euro 14,62 e della copia della ricevuta del versamento degli oneri istruttori previsti dal tariffario regionale.


VOLTURE E POTERI DI ORDINANZA
Dal momento che l'art. 8 comma 2 della L.R 24/06 dispone che "la Provincia è l'autorità competente al rilascio, al rinnovo e al riesame delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera", alle Province in realtà sono state conferite tutte le funzioni amministrative connesse con l'attività di emissione e gestione delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera, sia generali che particolari.
Conseguentemente, sia il rilascio di volture delle autorizzazioni sia l'espletamento del potere di ordinanza di cui all'art. 278 del D.Lgs. 152/06 sono in capo alle province, e ciò con riguardo anche alle autorizzazioni precedentemente emesse dalla Regione"

PER OGNI ULTERIORE CHIARIMENTO/INFORMAZIONE SI INVITANO GLI INTERESSATI A CONSULTARE I SITI E I COMPETENTI UFFICI PROVINCIALI